Amo l’invito all’esordio di sé

Amo l’invito all’esordio di sé

Che le gocce inducono

Ai viventi del bosco 

E i vagiti d’umida voglia 

Da avvertire appena 

Tra il fragore dei tuoi sorrisi 

E il vuoto zitto della mia presenza 

Che gode ardori selvaggi

Pur moderati dal tocco educato

Del progresso umano

Cui ambivalente rivolgo

Un pensiero benevolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.