OXUM: CHIARE, FRESCHE, DOLCI ACQUE

Oxum presso gli Ioruba era l’Orixà dell’omonimo fiume Oxum, in seguito è divenuta l’Orixà di tutti i fiumi, laghi e cascate. È divenuta l’Orixà dell’acqua dolce e di tutte le creature che vi vivono. Oxum mitologicamente è l’ancestrale madre suprema, patrona della gravidanza, della fecondità e della procreazione, protegge i neonati, i feti e tutti i fatti legati alle mestruazioni.
È la seconda sposa di Xangò, da lui molto amata per la sua sensualità e per le sue doti culinarie. Energeticamente la forza di Oxum conferisce fertilità al vivente, la fertilità per concepire nuova vita, ma anche per la creatività artistica e intellettuale.
È la forza di rigenerazione dei tessuti, di trasformazione della materia del corpo fisico, del rinnovamento biologico, della rinascita fisica e psichica. In quanto acqua, conferisce all’essere umano qualità quali la freschezza, la purezza, la tenerezza, la vitalità, la dolcezza, la sensualità.
La sensualità necessaria per l’incontro amoroso e la conseguente generazione del nuovo. Psicologicamente, secondo la tradizione, la donna nella vibrazione di Oxum è sensuale, vanitosa, elegante, piena di grazia e di desiderio. Ama i gioielli, i vestiti, i profumi, le cose belle. È astuta, seducente e ambiziosa, ma esprime le sue caratteristiche in modo riservato, ama essere conquistata e desiderata, tiene in notevole considerazione l’opinione che gli altri possano avere di lei.

Leave a Reply

Your email address will not be published.