Il modo ulteriore 2: Restare, invece di…andare via

Restare, invece di…andare via
Ma come possiamo non farci travolgere dal flusso incontenibile dei pensieri? Come possiamo navigare l’oceano della coscienza senza finire alla deriva?
Restando anziché andando via.
Se vogliamo navigare dall’Europa alle coste degli Stati Uniti dobbiamo seguire la direzione est-ovest. Le onde ed i venti tenderanno a portarci in tutte le altre direzioni, ma solo se terremo la barra al centro, senza seguire le forze che ci spingono altrove, arriveremo a destinazione. Allo stesso modo, se noi vorremo padroneggiare l’osservazione sia di un aspetto di noi stessi, sia di una funzione, come il respiro o di un emozione come la paura, di un organo o di un sintomo, dovremo sapere restare lì con l’attenzione, senza andare via con il flusso dei pensieri.
Restare vuol dire sviluppare qualità come ascolto, accettazione, responsabilità.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *